Sanzioni eccesso di velocità

acquisto commerciali usati

Le sanzioni prese con sistemi Autovelox, non prevedono essendo fatte a distanza o con sistemi automatici l’immediata contestazione. Pertanto il verbale viene inviato all’intestatario del veicolo direttamente a casa.

A questo punto vediamo i tempi per la notifica e gli importi e le modalità di pagamento.

La notificazione è regolata dall’articolo 201 del Codice della Strada, la multa deve essere notificato entro 90 giorni dall’accertamento. Per i cittadini residenti fuori dal territorio nazionale entro 360 giorni. Oltre tali termini la sanzione e annullata.

Attenzione però se l’ufficio postale la prende in carico entro tali termini, anche se la recapita dopo  all’intestatario fa fede il giorno di consegna all’ufficio postale, quindi è valida.

Gli importi per eccesso di velocità sono disposti dall’art. 142 comma 7, 8, 9 e 9-bis del Codice della Strada.

  • Chi supera i limiti di velocità di non oltre 10 km/h, paga da 42 a 173 euro;
  • Chi supera i limiti di velocità di oltre 10 km/h e non oltre 40 km/h, paga da 173 a 695 euro + 3 punti dalla patente;
  • Chi supera i limiti di velocità di oltre 40 km/h e non oltre 60 km/h, paga da 544 a 2.174 euro + 6 punti dalla patente e sospensione della patente stessa da uno a tre mesi;
  • Chi supera i limiti di velocità di oltre 60 km/h paga una multa da 847 a 3.389 euro + 10 punti dalla patente che viene anche sospesa da sei a dodici mesi.

Tali importi sono ridotti del 30% se la sanzione e pagata entro 5 giorni dalla notifica.

Stampa Email

Revisioni e patenti proroga di 10 mesi


 Compro veicoli usati

Causa pandemia l'Europa con il Regolamento  UE n. 2021/267 (16 febbraio 2021) proroga le revisioni dei veicoli ed i rinnovi delle patenti di 10 mesi dalla scadenza.

Nello specifico l'art. 3 del regolamento UE n. 2021/267 dispone che: "la validità delle patenti di guida in scadenza nel periodo compreso tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 si considera prorogata per un periodo di 10 mesi dalla data di scadenza su di esse indicata."

Mentre le patenti delle categorie A e A2 la proroga è di 6 mesi  che sarebbero scadute o scadrebbero tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Il regolamento prevede, che se uno Stato membro in caso di necessità potrà prolungare tale periodo dandone comunicazione alla Commisiione Europea entro il 31 maggio 2021.

Prorogati di 10 mesi anche i termini previsti per le revisioni, che in base a quanto stabilito dalla Direttiva 2014/45/UE "avrebbero dovuto essere effettuati o che dovrebbero essere effettuati nel periodo compreso tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021."

 

Stampa Email

Gli effetti del Coronavirus: si può circolare con patente scaduta?

 

 

Il Coronavirus ha avuto un significativo impatto su moltissime attività produttive e una di queste è sicuramente il mercato dell'auto. E non solo, il "lockdown" come conseguenza del virus ha inevitabilmente coinvolto anche la burocrazia automobilistica. 

Con i decreti governativi emanati si è provveduto in primis a rinviare tutti gli esami per il conseguimento della patente prevedendo un termine entro il 30 giugno per sostenere sia gli esami di teoria che quelli di pratica.

Per quanto riguarda le revisioni e collaudi in scadenza entro il 31 luglio, il Decreto "Cura Italia" ha autorizzato la circolazione dei suddetti veicoli fino al 31 ottobre 2020.

Infine, per rispondere alla domanda iniziale, il Governo ha deciso di prorogare la validità delle patenti scadute o in scadenza nelle prossime settimane fino al 31 agosto 2020. Tale disposizione è applicabile altresì alle patenti rilasciate da uno Stato dell'UE il cui titolare ha acquisito la residenza in Italia; la stessa viene estesa anche per coloro che possiedono il certificato di idoneità alla guida (CIG) per i ciclomotori.

Pertanto è possibile circolare con una patente scaduta purchè ci si ricordi di rinnovarla entro la fine dell'estate.

 

Stampa Email

Riforma Codice della Strada: 3 secondi per semaforo giallo

 
 
La questione sulla durata del semaforo giallo è stata molto spesso oggetto di dibattito tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni in quanto i primi sostenevano che la durata dello stesso non fosse sufficiente per permettere all'automobilista un arresto del veicolo o lo sgombero della corsia tempestivo. I Comuni, pertanto, venivano accusati di "fare cassa" sulle multe irrogate in quanto non vi era una disciplina chiara sulla durata minima del giallo semaforico.
Il Codice della strada infatti non prevede in modo dettagliato la disciplina sull'accensione del giallo. Tuttavia, con la riforma del codice della strada si potrebbe assistere a una riforma su tale disciplina prevedendo che la durata del semaforo giallo non potrà essere inferiore ai tre secondi, tempo ritenuto sufficiente per consentire l'arresto del veicolo che proceda a 50 km/h.
Nonostante sia questa la proposta presentata dal Ministero dei Trasporti, nulla vieta che durante l'iter legislativo si possano assistere a nuove riforme in tal senso. 
 
Pubblicato il 27/07/2019 Automultiservice, sas, vendita, veicoli, usati, rottamare, incidentati, ricambio, motore, auto, vettura, macchina, da riparare, vendita ricambi, compro auto, automobile, problemi, Bologna, usata, usato, chilometrata, chilometrato,   Automultiservice sas, Acquistiamo autoveicoli, incidentati, fusi, chilometrati, con problemi meccanici, Minerbio (Bologna) compriamo, auto, veicoli, macchina, incidentata, problemi, Bologna, vendita, auto, noi compriamo auto, rottamare, rottamazione, usata, chilometrata, veicoli, macchina

Stampa Email

Responsabilità del pedone se attraversa la strada mentre guarda il cellulare

Una recente sentenza del Tribunale di Trieste n. 380/2019 ha affermato la responsabilità del pedone investito da un'autovettura in quanto lo stesso provvedeva ad attraversare la strada guardando il cellulare e senza quindi porre particolare attenzione ai veicoli che transitavano.

Il Tribunale infatti ha affermato che il pedone che attraversa la strada guardando il cellulare rappresenta un pericolo difficilmente evitabile da parte dell'automobilista il quale non riusciva a porre in essere alcuna manovra di emergenza per evitare lo stesso, causando di conseguenza l'incidente.

Nel caso di specie, quindi, il Tribunale ha affermato che il comportamento del pedone ha rappresentato un danno non evitabile nonché posto in essere senza rispettare le regole poste dalla legge sulla circolazione stradale pertanto confermava un concorso di responsabilità nella misura dell'80% per il pedone e 20% per l'automobilista.

 

Pubblicato il 14/07/2019 Automultiservice, sas, vendita, veicoli, usati, rottamare, incidentati, ricambio, motore, auto, vettura, macchina, da riparare, vendita ricambi, compro auto, automobile, problemi, Bologna, usata, usato, chilometrata, chilometrato

Stampa Email

Rottamazione del vostro veicolo tramite il nostro partner

   Nuova Autodemolizione Destro di PEIPED s.r.l.

Via del Lavoro 14 -40061- Minerbio (Bologna)

Autodemolizione Gratis* per veicoli di nessun valore commerciale

* escluso spese PRA circa €70,00 unatantum e 30 km da sede

 

AUTOMULTISERVICE s.a.s.

Unita Locale : Via del Lavoro 14 -40061- Minerbio (BO)

Sede Legale : Viale dell'Industria 23/b -35129- Padova (PD)

P.iva 04704900283  info@automultiservice.it   338.7487.512 ** 347.6136.120

Note legali     Condizioni d'uso e presa visione informativa    Privacy clienti/fornitori   Privacy Informativa UE 2016/679  Contatti